venerdì 31 gennaio 2014

A visit to the Kubrick Archive (London)

Stanley Kubrick was a 'total' filmmaker, one of the few directors in movie history that was personally involved in the complete process of filmmaking, from the initial concept up to the distribution of the finished movie in theaters. This, and the unique opportunity to be able to work mostly from his home (starting in 1965, when he moved permanently to England during the pre-production of 2001), meant that he was able to keep an unusually large quantity of materials produced while working on his movies. Besides that, his large mansion in Hertfordshire enabled him to preserve a vast amount of materials related to his past, present and possible future productions, in order to have them handy in any case.

Stanley Kubrick's Boxes in his house in Hertfordshire (photo source)

After his death in 1999, the family was faced with the problem of what to do with over 1.000 boxes of materials (you can have an idea of the amount of stuff stored there by watching Jon Ronson's documentary Stanley Kubrick's Boxes). From a 2013 interview to Kubrick's widow, Christiane:
I was left all of these hundreds and hundreds of boxes of stuff we’d been climbing over all of our lives. There was so much rubbish that came out of each film, and Stanley never tidied it up. It was very melancholy work to go through these things when he was dead, and I was just a basket case, trying to do this.
And then a Frankfurt museum became very interested and they sent an archivist — and that opened my eyes to how to do that, and what would be of value to young people, and also very much [gave me] an awareness that all of these films were made without computers, and so there was so much more documentation. Unfortunately, on computers, much gets lost, while rubbish gets saved forever and ever.
And then we would go through it box by box by box, and we left this to the University of the Arts London, which is a huge university combining all of the other art schools with a vast website. And I thought very carefully who I should leave this to, and I chose them. And then they dedicated a big part of the building — almost a wing — to it, which they decorated like the big wheel in 2001. And so I was happy with all of that. And then following all of these exhibitions, eventually when the exhibitions are finished, it will also go to the university so it will all be in one place, and they’ve dedicated all of the new technical ways of saving every photograph and that sort of thing.
Mrs.Kubrick is referring to the work done by the Deutsches Filmmuseum and the Deutsches Architektur Museum, Frankfurt, that sent archivists researching at the estate at St. Albans, near London, for eight months. This work led to the first Stanley Kubrick exhibition in Frankfurt, in 2004.

The boxes then were moved to the Archives and Special Collections Centre of the University of the Arts London, at the London College of Communication (LCC), Elephant and Castle, in March 2007 and the Stanley Kubrick Archive opened in October of the same year.

source © 2014 University of the Arts London All Rights Reserved

Your humble narrator, pictured on location by an anonymous, very kind fellow visitor of the Archive

Now, coming from a country (Italy) where artistic and cultural assets are managed in a questionable way to say the least, I thought at first that the decision the family made was especially commendable because they decided that the Archive had to be open to the public and for free. That's a remarkable fact by itself, but in another interview Christiane Kubrick (herself an alumna of a branch of the University, St. Martin's School of Art) added a more significant reason:
"I could never have thrown the stuff away. That would have been awful. It is like letting the person die twice if you throw it out. When the Frankfurt museum came, it was a wonderful solution. I saw the material for the first time with an archivist's eyes rather than my own." 
Being myself a public librarian, this resonated with me in a particular way. The Archive is, quoting the original press release issued on its opening, the embodiment of Stanley Kubrick's artistic career. Such a considerable and unique collection requires specific skills in treating the different materials: photos and film stills are temperature and light-sensitive, among all things; in general, each item must be handled and stored in the proper way, according to national and international archival standards, in order to guarantee their long-term conservation. This means that the people who have the task to make the Archive work on a daily basis have to be professional archivists, and that's why the University of the Arts situated the Archive in the Special Collections Centre and assigned specific professionals to the task. 

In the Archive Richard Daniels, Senior Archivist, and his staff welcome visitors, help them going through the catalogue, hand them the materials and take care of the proper conservation of the items, while providing continuos support to all the cultural events related to the celebration of Kubrick's artistic legacy: the aforementioned exhibition, the many special projections and lectures, the book and documentary projects, etc.

The Search Room of the Archive, beautifully designed in the style of the Hilton Space Station in '2001' by Nightingale Associates with special furniture provided by Working Environments.

My research in the 2001 files stored in the Archive is a perfect example of its mouth-watering contents. Being 'Odyssey' one of the most thoroughly and carefully prepared movies of all time, at the LCC you'll find materials such as:
  • the original correspondence between Kubrick and Clarke that originated the movie;
  • countless technical and space-related magazines, location photographs and drawings used during the pre-production;
  • set plans, call sheets, continuity reports, and hundreds of behind-the-scenes photos made during the actual shooting;
  • early and discarded poster designs for the movie;
  • detailed descriptions of scenes planned and never shot or sequences discarded before the final cut.
Here's a few pictures of some sample items stored in the Archive:

Portion of draft script for 2001 that features the use of two HAL computers: 'Other Hal' was meant to explain Hal's murderous behavior (source; courtesy Archive Hub)

One of the many Sasco cards (filing cards assembled into a chart and used by the special effects department to plan filming and include details such as the direction models should be moved in (source; courtesy Archive Hub)

In conclusion: start saving some money for a trip to London (and book in advance, as the Archive is often fully booked), you won't regret it. Also be sure, before getting there, to check the online catalogue and locate the items you're most interested in, as the staff will take special care in recording your requests and prepare the materials for you for your arrival.

Special thanks to Richard and to assistant archivists Sarah and Charlotte, for their invaluable support and help during my visit. You can get in contact with them at

Una visita all'Archivio Kubrick di Londra

Stanley Kubrick è stato un cineasta 'totale', uno dei pochi registi della storia del cinema ad essere coinvolto personalmente nel processo completo di produzione di un film, dall'idea iniziale alla distribuzione dello stesso nei cinema. Questo, e l'opportunità unica di poter lavorare praticamente da casa (almeno dal 1965, quando si trasferì con la famiglia in Inghilterra proprio durante la pre-produzione di 2001), gli diede la possibilità di conservare una quantità enorme di materiali prodotti durante la produzione dei film. 

Gli ampi spazi a disposizione nella villa dell'Hertfordshire che fu la sua casa dagli anni '70 fino alla sua scomparsa fecero il resto; dopo la scomparsa di Kubrick nel 1999, la famiglia si trovò ad affrontare il problema di cosa fare degli oltre mille scatoloni di materiale accumulatisi in quasi quarant'anni (potete avere un'idea dell'ammontare del materiale nel documentario di Jon Ronson Stanley Kubrick's Boxes su Youtube).

Un'occhiata all'archivio di Kubrick nella sua casa nell'Hertfordshire, prima del trasloco dello stesso a Londra (fonte)

Da un'intervista del 2013 alla vedova di Kubrick, Christiane:
E così mi sono rimasti centinaia di scatoloni, gli stessi che per tutta la vita abbiamo avuto tra i piedi in casa. C'era così tanta roba che veniva fuori da ogni film, e Stanley non aveva mai dato una sistemata. E' stato un compito piuttosto malinconico dovere avere a che fare con tutto questo dopo la sua morte, e se l'avessi dovuto fare da sola non avrei avuto speranze.
Poi un museo di Francoforte si è detto molto interessato, e ha mandato un'archivista - e la cosa mi ha aperto gli occhi, perché mi ha fatto capire che quella roba sarebbe potuta essere utile ai giovani, e mi ha anche fatto pensare che tutti quei film erano stati fatti senza computer, per cui c'era un sacco di documentazione: sfortunatamente, con i computer, molte cose vengono perdute, mentre le cartacce ti rimangono in casa per sempre.
Così abbiamo cominciato a guardare scatolone dopo scatolone, e abbiamo lasciato tutto all'University of the Arts di Londra. Ho pensato a lungo a chi avremmo dovuto lasciare il materiale, e ho scelto loro, che hanno dedicato una grande parte dell'edificio all'Archivio [...] e ne sono rimasta soddisfatta. Dopo tutte le mostre che stiamo facendo, quando saranno finite, tutto andrà all'Università, così il materiale sarà raccolto in un'unica sede. [...]
Christiane Kubrick si riferisce al lavoro fatto dal Deutsches Filmmuseum e dal Deutsches Architektur Museum di Francoforte, che mandò i suoi archivisti a St.Albans per otto mesi. Questo primo lavoro di catalogazione portò alla creazione della prima mostra su Stanley Kubrick a Francoforte, nel 2004. Il materiale è stato poi trasferito, nel marzo 2007, all'Archives and Special Collections Centre - University of the Arts London, presso il London College of Communication nella parte sud di Londra (Elephant and Castle), dove lo Stanley Kubrick Archive ha poi aperto al pubblico nell'Ottobre dello stesso anno.

fonte © 2014 University of the Arts London

Il vostro affezionatissimo, fotografato da un gentile collega visitatore dell'Archivio

Venendo dall'Italia, paese in cui i beni culturali sono trattati nel modo discutibile che conosciamo, ho subito pensato che la decisione della famiglia Kubrick è stata rimarchevole per il fatto principale che l'Archivio è aperto al pubblico e gratuitamente. Questo fatto è già più che lodevole, ma in un'altra intervista Christiane Kubrick (di professione pittrice, lei stessa ex-studente dell'Università di Londra, la St. Martin's School of Art) aggiunge un'altra ragione:
Non avrei mai potuto buttare via niente. Sarebbe stato atroce, come farlo morire una seconda volta. Quando arrivò il museo di Francoforte fu una soluzione fantastica. Ho visto per la prima volta il materiale con gli occhi dell'archivista invece che con i miei. 
Essendo il sottoscritto un bibliotecario pubblico, la cosa mi ha fatto riflettere. L'Archivio è, citando il comunicato stampa dell'epoca della sua apertura, la manifestazione 'fisica' della carriera artistica di Stanley Kubrick (i veri e propri film, ovvero i master originali, sono invece conservati negli archivi Warner negli Stati Uniti). Una collezione così unica richiede capacità particolari di trattare e conservare le diverse collezioni; le foto, i negativi e altri materiali sensibili alla luce e alla temperatura sono molto delicati, per esempio; in generale, ogni elemento deve essere trattato e conservato nel modo adeguato, in ossequio agli standard internazionali previsti nel campo, per garantirne la conservazione a lungo termine. Questa è la ragione per cui l'Università ha deciso di situare l'Archivio presso lo Special Collections Centre e di assegnargli del personale specifico, assunto per lo scopo.

Nell'Archivio il Responsabile Richard Daniels e il suo staff accolgono i visitatori, li aiutano a consultare il catalogo, cercano e consegnano il materiale e in genere si prendono cura della sua conservazione. Oltre a questo forniscono supporto continuo, in accordo con la famiglia Kubrick, alle varie iniziative che da ormai dieci anni nel mondo celebrano l'eredità artistica del regista, come la mostra suddetta, che ha appena chiuso i battenti a San Paolo (Brasile) e aprirà tra poco a Toronto in Canada (io la vidi a Roma nel 2008).

Il sottoscritto nella "Search Room" dell'Archivio, ispirata alla Stazione Spaziale di 2001 e realizzata dalla Nightingale Associates con arredi speciali a cura della Working Environments.

Essendo 2001 uno dei film dalla realizzazione più lunga e complessa della storia del cinema, una ricerca nei materiali che lo riguardano conservati nell'Archivio è, per un appassionato, un sogno ad occhi aperti. Vi si può trovare:
  • la corrispondenza originale tra Kubrick e Arthur Clarke che diede origine al film;
  • un numero enorme di riviste, fotografie e disegni riguardanti l'esplorazione spaziale utilizzati durante la pre-produzione;
  • documenti di produzione, rapporti sul girato e centinaia di fotografie realizzate sul set durante le riprese;
  • prototipi di poster pubblicitari e di altro materiale promozionale;
  • descrizioni dettagliate delle scene effettivamente girate, e centinaia di pagine di sceneggiature scartate.
    Un paio di esempi:

    Una pagina di una sceneggiatura preliminare che prevedeva la comparsa di un secondo Hal, che spiegava il comportamento omicida del gemello (fonte)

    Una delle tante schede Sasco utilizzate dal dipartimento degli effetti speciali, con descrizioni delle direzioni in cui i modellini avrebbero dovuto muoversi (fonte)

    Concludendo, cominciate a risparmiare qualche soldino adesso, e prenotate in anticipo, perché l'Archivio non ha molti posti disponibili ed è spesso al completo: non ve ne pentirete. Un consiglio: prima della visita date un'occhiata al catalogo e segnatevi i materiali che vi interessano: indicandoli in anticipo allo staff ve lo faranno trovare pronto al vostro arrivo.

    Un grazie speciale a Richard e alle sue assistenti Sarah Charlotte per la loro gentilezza e l'aiuto fornitomi durante la visita. Li potete contattare all'indirizzo

    lunedì 27 gennaio 2014

    Happy Birthday (Buon Compleanno) 2001italia!

    On January 30 2001italia will celebrate its first birthday.

    I decided to trow a little party a few days in advance, because I was in the mood to celebrate as I just reached six hundred thousands visits according to Blogger reduced to a more reasonable, nevertheless staggering 304.000 according to Google Analytics!

    I had a great fun in writing this blog, and fortunately I also had great feedback: more than a thousand comments, likes, shares on Reddit, Facebook, Google+ Tumblr and some heartening press coverage. It's a very satisfying result, that I consider as the beginning of something even bigger.

    In order to celebrate properly the birthday, here's a previously unreleased picture of Stanley Kubrick on the set of Space Station V, bought on Ebay from a collector of movie rarities and memorabilia.

    2014 is going to be a big year for fans of the "proverbial really good sci-fi movie", as Kubrick called it writing to Arthur C.Clarke for the first time. Here's a sneak preview of what I expect to publish on the site in the following year.
    • The Big Post: a complete insight on the scenes cut from the final version of the movie, with pictures, for a visual re-construction of what they might have looked like;
    • the monolith story: his evolution from tetrahedron to slab;
    • '2001' vs. 'Space: 1999'; influences, plagiarism charges and controversies;
    • a complete cast list, with actor profiles and (hopefully) new interviews;
    • towards a complete bibliography: reviews of the forthcoming books about '2001'; 
    • an essay about the manned space program and '2001' in the historical context of the "space race", edited by NASA archivists and historians.
    So, enjoy the ride with me, and thanks for your continuous support!

    * * *

    Il 30 gennaio 2001italia festeggia il suo primo compleanno. Ho deciso di festeggiare con un po' di anticipo, perché ho appena raggiunto seicentomila visualizzazioni (secondo le statistiche di Blogger, notoriamente generose; ridimensionate ad un comunque clamoroso 304.000 secondo il più affidabile Google Analytics)!

    Questo primo anno è andato decisamente meglio del previsto: più di un migliaio di commenti, "mi piace" e condivisioni su Reddit, Tumblr, Google+ e Facebook, oltre che recensioni sulla stampa e sul web anglofono e italiano. E' un risultato che mi soddisfa alquanto, ma non è finita qui!

    Gazzetta di Parma, 23 aprile 2013

    Per prima cosa, per festeggiare adeguatamente in questo post vedete, in alto, una foto inedita di Stanley Kubrick sul set della Space Station V, comprata su Ebay da un collezionista di materiale cinematografico.

    Il 2014 si prospetta molto ricco per gli amanti del "proverbiale buon film di fantascienza", come lo definì Kubrick scrivendo per la prima volta ad Arthur C.Clarke. Ecco quindi un prossimamente su questi schermi, uno sguardo gli articoli a cui sto lavorando. 
    • uno sguardo approfondito sulle scene tagliate dal montaggio finale del film, con fotosequenze per tentare una ricostruzione visuale; 
    • la storia del monolito: la sua evoluzione da tetraedro a parallelepipedo (passando per cubo trasparente);
    • 2001 contro Spazio: 1999; influenze, accuse di plagio e polemiche varie; 
    • una lista completa degli attori (e attrici) che hanno partecipato a 2001, con profili e (speriamo) nuove interviste;
    • Da Primo Levi ai blogger: la critica italiana e 2001;
    • verso una bibliografia completa di 2001: recensioni dei libri in uscita nel 2014; 
    • un saggio sul programma spaziale americano e la sua relazione con 2001 nel contesto storico degli anni '60 e della 'corsa allo spazio' scritto con la supervisione di storici ed archivisti NASA. 
    Buon divertimento e grazie del vostro continuo supporto!